Titulo

RST 197


Continua senza sosta il lavoro del Registro Storico Triumph per censire le moto storiche presenti sul territorio italiano, ultima arrivata è questa Trident T160 "Rob North" ed è la 197.


Nei primissimi anni '70 la Triumph Trident 750 e la “sorella”  BSA Rocket 3 raccolgono nei campi di gara statunitensi importanti risultati tra cui il campionato AMA del 1970 e la 200 Miglia di Daytona del 1971 (prima classificata BSA Rocket 3 e secondo gradino del podio per la Triumph Trident). 


Grazie al permissivo regolamento della categoria Formula C 750 del campionato AMA, le Trident di serie, oltre ad un’adeguata preparazione del motore che supera gli 80 CV e al cambio Quaife da competizione a 5 rapporti, sono dotate di un nuovo telaio doppia culla chiusa in tubi d’acciaio Reynolds 531 preparato dallo specialista Rob North. Le Trident Daytona ”Rob North” correranno, negli anni '70, anche in Europa in varie manifestazioni tra cui il Transatlantic Trophy, il mitico Bol d’Or e il British Meeting of Year.


A distanza di oltre 40 anni le Trident ”Rob North” continuano a gareggiare e a vincere nelle competizioni dedicate alle moto d’epoca. La Trident T160 qui raffigurata, appartenuta a Sandro Baumann e dotata di componentistica moderna, è risultata vittoriosa in svariate gare di durata europee. 


I valori di peso e potenza non sono ufficialmente dichiarati tuttavia queste "repliche" moderne delle Trident ”Rob North” hanno prestazioni superiori alle moto ufficiali dell'epoca. Esemplari come quello qui fotografato possono sviluppare oltre 85CV al banco per circa 160 kg senza entrare nel merito dei vantaggi garantiti dalle gomme e dagli impianti frenanti moderni.








No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.